Post

Recensione

Ettore Garzia, Percorsi Musicali, March 4, 2020
Thursday, March 5, 2020 Press

Nell’esperienza elettroacustica strettamente legata alle commissioni trattate all’INA-GRM o di quelle ricevute da festivals specializzati del settore, eRikm mette in risalto in maniera spettacolare quel sottile filo subliminale che lega l’argomento alla musica, come veicolo perfetto della trasmissione sensoria. In Mistpouffers, cd pubblicato dall’empreintes DIGITALes, si raggruppano tre composizioni dichiaratamente schierate a favore della riflessione umana e civile: è un condensato di storie, natura e problematica sociali infuse che hanno un collegamento nell’esperienza di suoni articolati e variamente intesi, recuperati nel cervello dell’autore; in Draugalimur è la storia di La géante dans la barque de pierre, un racconto tradizionale islandese dedicato alla leggenda di un troll marino, che prende banco sotto forma di suoni estratti dalla natura; gli effetti sonori dei rompighiaccio, dell’acustica potente dei serbatoi di stoccaggio del pesce che sembrano riprodurre temporali, i sottili e perturbati campionamenti di suoni o voci ansiose, sono tutti elementi utilizzati per sostenere un tessuto mitico e drammatico allo stesso tempo, che riflette il carattere della storia raccontata, dove il troll insidia una regina in viaggio di ritorno a casa con la sua famiglia, in una barca che presto diventerà sede del suo incantesimo (vedi qui la storia); questa psicologica qualità dei suoni si ripresenta in Poudre, che effettua una riflessione implicita scandita dai botti di fine anno registrati nella Alexanderplatz: l’architettura sonora è perfettamente calibrata in un ristagno della memoria aurale che da una parte ci invita all’insofferenza verso suoni eccessivi nel loro timbro e nella loro successione (specie se alziamo il volume a decibel sostenuti), dall’altra può essere indicatori di sintesi di un fenomeno biologico presente nella natura umana, stanca di frustrazioni e vessazioni dirette o indirette, un modo di immaginare l’animo sotto una pioggia di spari e di polvere coordinata; in L’aire de la Moure 2 ci si sposta invece sulle rappresentazioni di quell’immagine di roccia rossastra che appare in copertina: la Moure è sostanzialmente una zona montagnosa inaccessibile che è stata presa in considerazione dallo stato francese per le esercitazioni dei vigili del fuoco durante gli incendi e prende quel colore dal fatto che regolarmente vengono lanciati dall’alto sostanze chimiche che favoriscono lo spegnimento dei fuochi; musicalmente è una sequela premonitrice, ancora con duplice narrazione su testo di Paul Eluard, rivelato da eRikm in À la flamme des fouets: la mancanza di amore che attanagliava il poeta francese è la similitudine trovata nel pezzo per esprimere la stessa mancanza nei confronti della Moure e del bisogno, certamente eludibile, di dover istruire campi di esercitazione per eventi che purtroppo vengono spesso originati proprio dalla mano umana; l’artificio sonoro qui consiste in un campo sonoro che tiene dentro plurimi richiami, dall’ambiente che si confronta nei dintorni della montagna (uccelli, amplificazione dell’emissione sonora della natura così come si presenta alla registrazione, organizzate, pesanti granulazioni e suoni campali).

In Mistpouffers c’è una straordinaria sensazione che si avverte allo scadere dell’ultimo suono udito, dell’ultima esortazione vocale, qualcosa che sa di liberazione da un assedio ma che è allo stesso tempo un potente filtro di giudizio dell’attualità. Posso garantire che le orecchie fini saranno molto attratte, poiché senza capir perché, si ritorna spesso sui percorsi di Mistpouffers.

Posso garantire che le orecchie fini saranno molto attratte…

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.