Blog

Kritik

Rigobert Dittmann, Bad Alchemy, no. 108, March 1, 2021
Friday, March 19, 2021 Press

Kritik

Rigobert Dittmann, Bad Alchemy, no. 108, March 1, 2021
Friday, March 19, 2021 Press

Recensione

Rumore, no. 349, February 1, 2021
Friday, March 12, 2021 Press

Smalley’s spectralist research and his ruminations on the spatiality of sound find a worthy representation here.

Recensione

Piergiuseppe Lippolis, Music Map, March 1, 2021
Tuesday, March 9, 2021 Press

Patrick Ascione è stato un compositore originario di Parigi ma di origine italiana, molto attivo nel campo della musica classica e nelle sperimentazioni elettroacustiche, delle quali ha esplorato a fondo le potenzialità nel corso della propria attività discografica. A gennaio del 2021 è stato pubblicato Figures de son, album postumo che raccoglie alcune composizioni dell’artista scomparso nel 2014. La prima di queste è Enième, che risale al 2004 e vede incastri e sovrapposizioni di voci su suoni naturali e brevi inserti strumentali e che precede Ascionerie no 6: Fantaisie diabolique, il cui percorso è più lungo, ma anche più lineare. Per tutti i quasi dodici minuti, le percussioni sembrano viaggiare a velocità doppia, fino al climax su suoni selvaggi che annuncia la coda. Divertissement, invece, mostra una vocazione più classicheggiante, con suoni elettronici liquidi in grado di suggerire atmosfere sinistre e inquiete, con un effetto simile a quello di Et puis l’oubli…, che sembra inseguire il mostro di fumo visto in Lost. Danse de l’aube è decisamente più dolce e rassicurante nel suo incedere e a tratti sembra destrutturare forme di world music nel classico soliloquio elettroacustico. Figures de son è un modo per approcciarsi alla storia di un artista che ha scritto pagine importanti del genere, ma anche per scoprire chicche fino a poco tempo fa inedite.

Figures de son is a way to approach the history of an artist who has written important pages of the genre, but also to discover gems until recently unpublished.

Recensione

Massimo Marchini, Rockerilla, no. 487, March 1, 2021
Monday, March 8, 2021 Press

… the Canadian composer fully hits the target by creating an album of rare sensitivity, attentive to the sounds and languages of his time, thus shaping a work of exceptional aesthetic value.

Recensione

Ettore Garzia, Percorsi Musicali, January 31, 2021
Tuesday, March 2, 2021 Press

Portail rivela la genialità di Smalley e prospetta anche le differenze intervenute nell’elettronica nel tempo, i miglioramenti tecnologici che hanno reso possibile una migliore gestione della composizione su altri supporti, come succede nella versione di The pulses of Time, uno dei suoi capolavori incisi su nastro e che oggi può stare tranquillamente a fianco di pezzi come Wind of chimes, quasi unanimamente considerato il suo picco artistico; in The pulses of time, Smalley ha impostato una filosofia dell’impulso, non solo intendendolo nell’immediatezza che regolarmente attribuiamo al termine ma anche nella sua profondità temporale, quello spazio di tempo in cui si forma ed esaurisce la vibrazione sonora: una vera e propria vivisezione dell’impulso, che non sta solo nell’attacco sonoro ma soprattutto nei rimbalzi sonici e nella potenziale movimentazione a corredo dell’impianto complessivo della composizione.

La Francia è fonte d’ispirazione per le altre due composizioni: per Sommeil de Rameau il disturbo recato al compositore del tardo barocco diventa un legame inossidabile per un nuovo apprezzamento della materia, nell’appropriarsi di una fase storica e dargli i connotati di una attuale, mentre per Fabrezan Preludes c’è invece un lavoro accademico immenso che si comprende nell’ascolto del trattamento della spazialità dei suoni, nella ricerca di un senso sonoro dell’esplorazione o nei parziali dei suoni della campane che fanno da minuzia.

Portail reveals Smalley’s genius and also points out the differences that have occurred in electronics over time…