Recensione

Enrico Bettinello, All About Jazz Italy, December 1, 2005

Tre volumi dell’etichetta canadese Ambiances Magnétiques raccolgono materiale registrato durante il tour europeo della primavera del 2003 dal duo di giradischi Martin Tétreault e Otomo Yoshihide.

La scelta è stata quella di spezzare il continuum delle singole serate per raggruppare la materia sonora a seconda del “clima” su cui veniva impastata: ecco quindi il primo volume 1. Grrr che raccoglie i momenti più “forti”, nel senso di rumorosi e aggressivi, mentre 2. Tok si compone di materiali più frammentati e 3. Ahhh concede alle orecchie - come suggerisce il titolo - la meritata quiete [sempre intesa con i benefici del caso…]

È chiaro da subito come questa scelta “classificatoria” sia la chiave d’accesso ai suoni contenuti nei tre volumi: quello che accade in un concerto è assai diverso, gode di un suo andamento dinamico, di una - per quanto peculiare - struttura narrativa, di una dialettica tra vuoti e pieni, di climax e anticlimax; gode ovviamente anche dell’energia del momento, del “vedere” come i due musicisti “trattano” i loro giradischi, del feedback del pubblico…

Non potendo su disco trasferire l’integrità della rappresentazione, specie questi ultimi aspetti, Tétreault e Otomo decidono di rinunciare del tutto alla coerenza della singola serata e “impacchettano” l’esito secondo coordinate che sono tanto banali quanto efficaci: non solo infatti si offre così all’ascoltatore una piena immersione nella gamma prescelta, ma gli si permette anche di confrontare come in differenti circostanze i due lavorino materiali analoghi.

Come è prevedibile attendersi da questi due “specialisti”, l’uso dei giradischi è ovviamente molto radicale, quasi sempre svincolato dalla loro funzionalità [suonare un disco] per ritrovarsi capovolto concettualmente [risuonare in un disco] e brutalizzato materialmente, attraverso sfregamenti, utilizzo di oggetti, colpi, feedback…

Stando così le cose, il primo volume, capace di accostare veri e propri muri di suono, sibili, lacerazioni uditive, è ovviamente il più “sgradevole”, ma anche molto efficace nell’offrire un doloroso spaccato del delirio tecnologico, quasi che tutte le macchine che ci circondano si fossero messe a funzionare male, al massimo volume, a pochi centimetri dal nostro cervello!

2. Tok svela una serie di sfumature particolarmente incisive [si ascolti il ribollire di Lyon no 3 / Kafe Myzyk 28.04.03] e permette di apprezzare meglio la contrapposizione tra i due artisti, mentre 3. Ahhh apre uno squarcio su un paesaggio emotivo che sembra l’unico esito possibile dopo il tuono del primo volume e lo sbriciolarsi del secondo.

Perché quello che sembrano dirci Tétreault e Otomo in questa decostruzione delle loro esibizioni è che alla fine di tutto non c’è il silenzio, ma il ricordo, lontano e struggente di una condizione di rumore primigenio… la musica è una pura illusione…Valutazione: * * * 1/2 [complessivamente]

… la musica è una pura illusione…

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.