Recensione

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no. 94, March 1, 2006

Il trittico formato da 1. Grrr, 2. Tok e 3. Ahhh si arricchisce di un nuovo capitolo, l’ultirno, pubblicato da solo in edizione limitata o in un box che raccoglie l’opera per intero. Per ricapitolare, si tratta di registrazioni che Tétreault e Yoshihide hannoeffettuato durante i loro set per soli giradischi e poi ricompattato nelle diverse uscite in modo da dare ai CD un senso unitario: il primo era quello dell’attacco brutalmente ‘rock’, il secondo quello dell’abbassamento del volume in favore di una maggior attenzione alla ’geometria’, il terzo quello della riduzione al grado zero della polpa sonora. E questo? Essendo, in pratica, un bonus CD inizialmente non previsto, va a finire che è quello più vario perché pesca in ognuno dei diversi umori che animano gli altri. Innanzi tutto, come già osservato, faticherete non poco a imanaginare che tutto ciò che si ascolta nasca da semplici giradischi, e quindi da dischi ‘altri’: nessuno avrebbe dubbi nell’inserire questo catalogo di angeliche abrasività nella musica elettronica. Immaginatela quindi come tale, in fin dei conti non ha alcuna importanza: l’evoluzione a grappolo di Brest no 4 / Le Vauban 22.04.03, il malinconico rimuginare di Genève no 5 / Cave 12 30.04.03, i satanici grugniti di Nijmegen no 3 / Extrapool 25.04.03, le distorsioni hendrixiane a dir poco di Lyon no 4 / Kafe Mysik 28.04.03, le improvvisazioni di Genève no 2 / Cave 12 30.04.03 o i rimbombi minacciosi di Grenoble no 4 / Le 102 29.04.03 non assomigliano neanche lontanamente ai virtuosismi da dj in fregola divistica, anzi ne sono la negazione stessa, stanno allo scratching da gare di velocità esattamente come il punk stava al prog, stanno ai tanti piccoli DJ Shadow che hanno infestato il djing nell’ultimo decennio esattamente come i Germs stavano ai Genesis. Non è una questione di palatabilità o commerciabilità del risultato finale (ognuno solletica le proprie orecchie come preferisce), è una questione di atteggiamento, di sensibilità, di stile di vita e persino di politica della musica. Questa è l’arte del giradischi ‘punk’ e Tétreault e Yoshihide sono i suoi profeti liberatori. Fate vostro il cofanetto e tenetelo a futura memoria.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.