Recensione

Roberto Mandolini, Ondarock, December 24, 2012

Dopo il meraviglioso strings.lines, il canadese Nicolas Bernier ha pubblicato un altrettanto suggestivo album per la tedesca Hronir (usure.paysage) e un doppio cd per l’etichetta specializzata in ambient music, Home Normal (Music for a Piano; Music for a Book). Sempre del 2012 è Travaux mécaniques, presentato dalla Empreintes Digitales nella solita elegante veste di DVD-Audio custodito in un bel box di cartone. Al suo interno cinque nuove tracce di Bernier presentate in surround 3.1/5.1, stereo, mp3 e aac (320kbps).

Dans le ventre de la machine è la personale “battaglia” del compositore canadese contro la “macchina”. Nel senso letterario del termine: Nicolas entra nel corpo di un dispositivo meccanico costruito da un amico carpentiere e ne descrive la natura con l’aiuto di un sensore piezoelettrico e un microfono a contatto. Sul finale si sentono le parole del celebre discorso di Mario Savio tenuto nel 1964 davanti agli attivisti di Berkeley.

Cresciuto in pieno evo digitale, Bernier sente nostalgia per quei dispositivi che gli ricordano l’infanzia: cineprese, videoregistratori o semplicemente vecchi giocattoli. Liaisons mécaniques è una descrizione acustica di tali oggetti, un racconto per suoni di superfici ricche di particolari.

Le suggestioni spaziali di Les chambres de l’atelier sono più evidenti ascoltate nella versione surround 5.1, ma anche nel più canonico formato stereo rendono bene la capacità di Bernier di descrivere spazi utilizzando solo gli “effetti”, creando forti dinamiche e giocando sulle profondità. Nelle sue mani il suono acquista qualità microscopiche, calibrando le orecchie su dettagli apparentemente impercettibili.

Nelle sue mani il suono acquista qualità microscopiche, calibrando le orecchie su dettagli apparentemente impercettibili.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.