Recensione

Roberto Mandolini, Ondarock, June 29, 2013

Martin Bédard è un compositore elettroacustico con una brillante carriera accademica alle spalle. Oggi insegna sia al Conservatorio che all’Università di Montréal. Topographies è il suo esordio discografico e raccoglie cinque opere composte tra il 2004 e il 2012.

La prima composizione in scaletta, Grand dehors, mette subito in mostra la spaventosa energia e le considerevoli dinamiche della musica del canadese: particolari microscopici lasciati apparentemente in sottofondo vengono portati all’improvviso in primo piano con accelerazioni fantascientifiche. Dopo la boa dei tre minuti un crescendo devastante riempie lo spettro prima di esplodere in un poderoso ostinato che sembra la simulazione di una battaglia per il controllo del sistema solare.

L’universo di Bédard è uno spazio multidimensionale dove l’attenzione è perennemente sollecitata da una valanga di eventi. Push & Pull si ispira al movimento ipnotico e metallico dei treni sulle rotaie e in qualche modo cita un vecchio amore adolescenziale di Martin, i Rush. Métal fatigue rappresenta bene la carica cinematica della musica del compositore di Québec City con i suoi abbondanti dodici minuti di montagne russe emozionali.

L’universo di Bédard è uno spazio multidimensionale dove l’attenzione è perennemente sollecitata da una valanga di eventi.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.