Recensione

Riccardo Gorone, Carnage News, June 1, 2016

Francis Dhomont, audioartista belga specializzato in musique concrète e acusmatica, presenta un disco la cui ricerca è iniziata una decina d’anni fa, su Kafka, dal titolo Le cri du Choucas, “il grido della cornacchia”, o, ancora meglio, “il grido della taccola”, uccello sempre passeriforme dal piumaggio nero grigiastro, spesso considerato “uccello pericoloso, associato a morte e rovina” come sostiene Florence Bancaud nel suo Kafka ou le nom impropre. E da qui il riferimento allo scrittore ceco (Kavka, in ceco, significa letteralmente taccola, cornacchia, appunto) il cui mondo e la cui figura sembrano innestarsi completamente con questo immaginario.

Molto intelligente la narrazione delle tracce, poiché di questo si parla: la comprensione profonda che il suono si sviluppa all’ascolto orizzontalmente, come la narrazione, come il potere cinetico della voce narrante. Al di là dei titoli che sono chiaro riferimento alle opere letterarie (La loi, La colonie pénitentiaire, Le père, La métamorphose), Dhomont sviluppa le sue tracce seguendo le vicende del celebre racconto, Davanti alla legge, che spesso intervengono nei vivissimi affreschi acusmatici. La voce narrante, presenza quasi minacciosa dell’opera, è alterata, pitchata verso il basso in modo da risultare asettica e inesorabile. Il disco è sicuramente denso (momenti davvero profondi come i quasi 15 minuti di Le père in cui Dhomont mescola cori, noise, voci, rumori d’ambiente, armonici intonati, che regalano un’imponente immagine del dissidio interiore di un rapporto) dovuto soprattutto alla sua complessità, ma la scelta dell’autore riesce ad essere accattivante: il taglio prospettico scelto dal Nostro si concentra su ciò che Kafka era in Kafka, l’autore nelle sue opere, o meglio, l’autore filtrato dalle sue opere. Si pensi alla traccia Le Choucas in cui voci che si sormontano ripetono il nome dell’autore che si mescola al nome della cornacchia in ceco e francese (kafka, kavka, choucas), identificando le sue figure, mettendo a nudo l’autore e la sua figura che si auto interroga, che si auto accusa (impossibile non pensare alle atmosfere de Il Processo). Raffinate le due “parafrasi” di Dhomont (Paraphrase I e Paraphrase II) con cui prepara piccoli sipari sonori introdotto da alcuni fondamentali passaggi del racconto di cui poco sopra. Inquiétante étrangeté passa in rassegna, tra le varie registrazioni, un estratto audio che sottolinea l’olismo della figura kafkiana: il meccanismo onirico delle sue opere ha fatto sì che fossero il mezzo per poter sviluppare i diversi aspetti di lui stesso in una figura unica.

Il lavoro di Dhomont è lo specchio incrinato della figura di Kafka e, nel contempo, una linea di luce che fa brillare aspetti inediti dell’opus all’ombra della cornacchia.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.