Recensione

Marco Castagnetto, Music Club, no. 182, March 1, 2008

Mats è una raccolta che organizza composizioni distribuite lungo dieci anni di ricerca musicale di Elsa Justel. La compositrice argentina rinnova con questo prodotto la propria concezione di suono elettro-acustico, toccando quei frangenti dell’esplorazione sonora che sfumano nel concreto (l’utilizzo dell’oggetto come sorgente di suono) ma che nulla concedono al contesto armonico. Piuttosto, le otto tracce che compongono il lavoro devono essere intese come un suono unico e continuo contemporaneamente misterioso e quotidiano, vissuto ed immaginato: l’album richiede una dimensione di ascolto profonda, una propensione attiva e disposta a scoprirne i risvolti più nascosti ed i sottotesti meno intelligibili, e nonostante la difficoltà di fruizione il disco rimane ancorato nel subconscio, facendo rivivere ricordi ma smarginandone i collegamenti. Riconoscere e distinguere le fonti sonore è impresa ardua: sia il sampling quanto il trattamento del software, così come le già citate e massicce influenze concrete costituiscono la nomenclatura basica del lavoro, e vanno a tratteggiare scenari contraddittori in cui diventa impossibile per l’ascoltatore attendere in modo consequenziale il secondo di suono successivo. Questo il pregio maggiore del lavoro, unito ad una competenza stilistica e formale di primo piano: Elsa Justel impartisce una lezione che è allo stesso tempo matematica ed emotiva, camminando a miglia di distanza dal rischio ipotizzabile della sterilità e dell’eccesso di intellettualismo.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.