electrocd

Recensione

Dionisio Capuano, Blow Up, no. 68, January 1, 2004

Differente la’rischiosa operazione di Maurizio Martusciello e Filippo Paolini, in apparenza didascalica: fare musica’sulla’guerra. E’noto che trumors’ non significa trumore’bensì diceria.’voce che corre’e in tal maniera si procede, sviluppando sì un calendario storico di eventi - i titoli dei dodici pezzi sono tutti date e luoghi: 28061914 Sarajevo, 07121941 Pearl Harbour e così via… naturalmente c’è scivolosissimo, anche 11092001 New York - ma preferendo dare un sguardo ‘laterale’ all’umanità violata, velando quasi di pietas certi - eventi - quelli in cui più mostruoso appare il baratro. La costruzione del suono è attenta, il digital processing non teme di giungere alle soglie melodia né di tentare la descrizione emotiva: un blip cinico scandisce il tempo che sta per finire, I’innalzarsi della frequenza di un’onda simula l’approssimarsi di un aereo, alla fine un improwiso risucchio d’antimateria, come lo spegnersi in un lampo del tubo catodico (11092001 New York). Si rimane a distanza dalI’orrore, impossibile awicinarsi di più, tuttavia - anzi, proprio in ragione di quest’atteggiamento - i due italiani realizzano un lavoro che, per onestà intellettuale e ‘misura compositiva’, costituisce un importante esempio di ‘elettronica civile’.