electrocd

Recensione

Roberto Michieletto, Music Club, no. 138, March 1, 2004

Il precedente incontro con Tomas Jirku (all’epoca di Entropy) mi aveva fatto conoscere un musicista che utilizzava la propria esperienza, costruita con diverse pubblicazioni di vario formato su etichette differenti, per comporre tappeti sonori strumentali in grado di indurre assuefazioni ritmiche e di edificare scenari di isolamento cerebrale. Con il suo quinto lavoro esteso, intitolato Bleak 1999 e dove propone tracce assemblate nel 1999 e successivamente rivedute, consolida ulteriormente tali peculiarità andando nella direzione di un ambient dub minimale (raramente tendente alla techno radicale) e con più di un legame stretto con il micro noise non statico e con le forme più propositive di sperimentazione elettronica. Forse meno curato rispetto ai dischi precedenti, ma anche più capace di convogliare sensazioni di calore umano. Sempre la No Type è il tramite grazie a cui Maurizio Martusciello e Økapi pubblicano il nuovo album a nome Metaxu, album incentrato sulla guerra e sugli atti di violenza massificata. Infatti ciascuno dei dodici pezzi prende spunto non tanto, o non solo, ideologicamente, ma soprattutto materialmente da avvenimenti che hanno segnato il corso della storia, a partire dal 1914 (attentato a Francesco Giuseppe in quel di Sarajevo) sino al 2001 (USA under attack). Quel che ne consegue non muta i geni costituenti la materia sonora plasmata da Metaxu, però ne rappresenta la base di appoggio; campionamenti, suoni concreti e rumori vari che vengono inseriti in un contesto di avanguardia, che, nonostante la natura elettronica o manipolata da cui prende spunto, riesce poi a mostrare vari volti, dall’ambientale al neoclassico, dall’isolazionista al micro-wave/glitch, dall’industriale al “filmico”. Un disco che si insinua nella vostra mente e che, pur senza tormentarvi, genera prima un senso di disagio e alfine di accondiscendenza.