electrocd

Recensione

Aurelio Cianciotta, Neural, March 9, 2004

A tre anni dal loro esordio tornano i Metaxu di Maurizio Martusciello e Filippo Paolini, con una nuova prova elegantemente in bilico fra elettronica e limpida elettroacustica, dedicata ad alcuni tra gli ultimi e più significati episodi bellici (ammesso che in qualche modo ci siano mai guerre più significative di altre). Dodici le incisioni, ognuna delle quali contrassegnata da un luogo geografico preciso (Sarajevo, Belgrado, Saigon, le Falkland e New York, ma la metropoli nordamericana non è certo luogo di guerra, come spesso altri vogliono farci credere). Il risultato è comunque di tutto rilievo, la produzione risulta sensibilissima, con un taglio introspettivo, che ci fa riflettere, su come eventi così tragici, in primo luogo producano effetti che sono soprattutto di natura intima (e solo tangenzialmente politica). Martusciello e Paolini (che assieme a Massimo Pupillo portano parallelamente avanti un altro progetto) già in passato hanno dato prova della loro maestria, il primo forte di un background da musicista contemporaneo specializzato in percussioni, il secondo in qualità di dj e sperimentatore interessato all’improvvisazione. Le scansioni adoperate oscillano fra parti liriche e suoni più secchi, tesi, micro-emergenze click, che si assommano quasi a soffocare i pensieri (drammaticamente incombenti ma ancora vitali). Un disco che consigliamo, per rigore ed estrema densità dei suoni: questo duo italiano, saprà farsi valere, anche su palcoscenici internazionali.