electrocd

Recensione

Piergiuseppe Lippolis, Music Map, January 15, 2021

Images nomades, appena uscito per Empreintes DIGITALes , è il decimo album in studio di Francis Dhomont, artista francese e figura di riferimento a livello non soltanto nazionale per la musica elettroacustica e acusmatica, così come per musique concrète e computer music. Images nomades si compone di dodici brani: i primi tre sono lavori definiti “astratti” dallo stesso autore, perché la musica, nella sua forma più pura, è oggetto e scopo della produzione stessa, mentre i successivi nove sono tributi a colleghi, con tanto di citazioni più o meno implicite ai loro lavori. Ad aprire sono le evoluzioni di Phoenix XXI, i cui suoni convergono idealmente verso un centro, come spinti da una forza centripeta, e le ritmiche fantasy di Machin de machine, ispirata dalle produzioni di Conlon Nancarrow. La prima parte è completata da Perpetuum mobile, parte dello stesso progetto di cui l’opener fa parte, ma segnata da un incedere decisamente più armonico e melodico di Phoenix XXI. La parte successiva, invece, è trascinata dalle allucinazioni di Happy New Half-Century, Adrian, con i suoni che evocano il rumore di una sirena, Petit souper magazine, il cui disordine trova una soluzione solamente nel finale, e la successiva Le flux des sons, vibrante e scandita dallo sfrecciare incessante di alcuni elementi musicali, prima di un completo riassorbimento nel tessuto principale. Images nomades è un’altra collezione di piccole chicche di musica elettroacustica, realizzate da uno dei maestri del genere: un lavoro prezioso per tutti gli appassionati di queste sonorità.

Images nomades is another collection of small gems of electroacoustic music, made by one of the masters of the genre: a valuable work for all fans of these sounds.