electrocd

Recensione

Ettore Garzia, Percorsi Musicali, January 31, 2021

Portail rivela la genialità di Smalley e prospetta anche le differenze intervenute nell’elettronica nel tempo, i miglioramenti tecnologici che hanno reso possibile una migliore gestione della composizione su altri supporti, come succede nella versione di The pulses of Time, uno dei suoi capolavori incisi su nastro e che oggi può stare tranquillamente a fianco di pezzi come Wind of chimes, quasi unanimamente considerato il suo picco artistico; in The pulses of time, Smalley ha impostato una filosofia dell’impulso, non solo intendendolo nell’immediatezza che regolarmente attribuiamo al termine ma anche nella sua profondità temporale, quello spazio di tempo in cui si forma ed esaurisce la vibrazione sonora: una vera e propria vivisezione dell’impulso, che non sta solo nell’attacco sonoro ma soprattutto nei rimbalzi sonici e nella potenziale movimentazione a corredo dell’impianto complessivo della composizione.

La Francia è fonte d’ispirazione per le altre due composizioni: per Sommeil de Rameau il disturbo recato al compositore del tardo barocco diventa un legame inossidabile per un nuovo apprezzamento della materia, nell’appropriarsi di una fase storica e dargli i connotati di una attuale, mentre per Fabrezan Preludes c’è invece un lavoro accademico immenso che si comprende nell’ascolto del trattamento della spazialità dei suoni, nella ricerca di un senso sonoro dell’esplorazione o nei parziali dei suoni della campane che fanno da minuzia.

Portail reveals Smalley’s genius and also points out the differences that have occurred in electronics over time…