Blogue

Recensione

Ettore Garzia, Percorsi Musicali, 3 avril 2020
vendredi 3 avril 2020 Presse

Il cercare l’inaudibile dalla musica è la conseguenza di uno sforzo sperimentale, che si costruisce su prove continue di determinazione dei suoni, della loro manipolazione profonda come processo per arrivare ad una sorta di trascendentalità dell’ascolto, che vada oltre l’astrazione evidente; in tal senso, Stéphane Roy richiama le corrispondenze filosofiche di Lyotard, che poneva il riconoscimento non effimero di un prodotto musicale proprio dalle sensazioni inaudite che riusciva a provocare. Come si manifesta l’inaudito nei cinque brani presentati? Dal punto di vista del suono, Roy cerca di sondarlo oltremisura attraverso una ricerca di strutture astratte e complesse con creazioni che richiedono anche una dose di spazialità ed avventura, elementi che guardano in faccia (e non so con quanta causalità) persino ceppi umorali dell’elettronica degli anni settanta: in un vespaio di sonorità minuziosamente ricercate e di sensazioni da decifrare, l’insinuazione di suoni sintetizzati nelle trame manda nel circolo aurale dell’ascoltatore anche estensioni di esperienze sonore che si agganciano al Mike Oldfield strumentale, alle apprensioni delle polveri cosmiche nei viaggi Tangerine Dream o Steve Roach. Sono naturalmente rimandi forse involontari in mezzo ad un’intelaiatura sistemica, poiché c’è di fatto una ricerca sul suono notevolmente più ampia rispetto a quelle fonti, tipica degli scultori: in Maelström, si assiste ad una pioggia di suoni-situazioni, sventolate di suoni sintetizzati bardati con granulazioni, rumori interstiziali, possenti trafile del suono che rendono l’idea di vortici aggressivi, ma talvolta anche solo apprensivi; Train d’enfer è in 3 sezioni, un’idea di mescolamento nella prima, una tensione espressa in molti modi nella seconda (forme dronistiche irreversibili, quasi litanie, costruzioni astratte incatalogabili, con più livelli di percezioni e tanti dettagli), un’emersione apparente di “motivi”, ripetizioni che si arricchiscono di pathos, nella terza. L’introduzione di Les aurores pourpres potrebbe essere confusa con le fasi sonore iniziali di Blade Runner, mentre una tavolozza di bit si estende nella spazialità, anticipando ambienti inusuali come segnali di avvertimento, polveri che sembrano radioattive, venti forti e sabbiosi e tanta saturazione funzionale; questo pezzo si avvale di un lavoro speciale di formazione dei materiali, dovuto al fatto che Roy ha utilizzato un sensore di movimento ad infrarossi per controllare cinque parametri audio contemporaneamente, attraverso il gesto della mano. In Les territoires secrets, una raggiera sonora ripetuta compatta un terreno sonoro morfologicamente vicino alle produzioni ambient, lambendo forse anche il terreno della IDM: lo scopo è chiaro, un minimale ed impressivo set di rappresentazione che è un’altra forma di esprimere creatività; nella finale Voies crépusculaires si formano opposizioni, un vento ovattato contro pulsazioni, sempre sostenute, con filtri, analisi additiva, plasticità dei suoni; la parte centrale presenta un ventaglio di tagli ed incollature che reindirizzano costantemente l’orientamento musicale, che resta potente come un tam-tam subdolo e sotterraneo che vuole scuotere l’immaginazione.

Avvicinarsi senza dubbi a L’inaudible. Questa è grande musica, davvero!

C’est de la grande musique, vraiment!

Recensione

Ettore Garzia, Percorsi Musicali, 4 mars 2020
jeudi 5 mars 2020 Presse

Nell’esperienza elettroacustica strettamente legata alle commissioni trattate all’INA-GRM o di quelle ricevute da festivals specializzati del settore, eRikm mette in risalto in maniera spettacolare quel sottile filo subliminale che lega l’argomento alla musica, come veicolo perfetto della trasmissione sensoria. In Mistpouffers, cd pubblicato dall’empreintes DIGITALes, si raggruppano tre composizioni dichiaratamente schierate a favore della riflessione umana e civile: è un condensato di storie, natura e problematica sociali infuse che hanno un collegamento nell’esperienza di suoni articolati e variamente intesi, recuperati nel cervello dell’autore; in Draugalimur è la storia di La géante dans la barque de pierre, un racconto tradizionale islandese dedicato alla leggenda di un troll marino, che prende banco sotto forma di suoni estratti dalla natura; gli effetti sonori dei rompighiaccio, dell’acustica potente dei serbatoi di stoccaggio del pesce che sembrano riprodurre temporali, i sottili e perturbati campionamenti di suoni o voci ansiose, sono tutti elementi utilizzati per sostenere un tessuto mitico e drammatico allo stesso tempo, che riflette il carattere della storia raccontata, dove il troll insidia una regina in viaggio di ritorno a casa con la sua famiglia, in una barca che presto diventerà sede del suo incantesimo (vedi qui la storia); questa psicologica qualità dei suoni si ripresenta in Poudre, che effettua una riflessione implicita scandita dai botti di fine anno registrati nella Alexanderplatz: l’architettura sonora è perfettamente calibrata in un ristagno della memoria aurale che da una parte ci invita all’insofferenza verso suoni eccessivi nel loro timbro e nella loro successione (specie se alziamo il volume a decibel sostenuti), dall’altra può essere indicatori di sintesi di un fenomeno biologico presente nella natura umana, stanca di frustrazioni e vessazioni dirette o indirette, un modo di immaginare l’animo sotto una pioggia di spari e di polvere coordinata; in L’aire de la Moure 2 ci si sposta invece sulle rappresentazioni di quell’immagine di roccia rossastra che appare in copertina: la Moure è sostanzialmente una zona montagnosa inaccessibile che è stata presa in considerazione dallo stato francese per le esercitazioni dei vigili del fuoco durante gli incendi e prende quel colore dal fatto che regolarmente vengono lanciati dall’alto sostanze chimiche che favoriscono lo spegnimento dei fuochi; musicalmente è una sequela premonitrice, ancora con duplice narrazione su testo di Paul Eluard, rivelato da eRikm in À la flamme des fouets: la mancanza di amore che attanagliava il poeta francese è la similitudine trovata nel pezzo per esprimere la stessa mancanza nei confronti della Moure e del bisogno, certamente eludibile, di dover istruire campi di esercitazione per eventi che purtroppo vengono spesso originati proprio dalla mano umana; l’artificio sonoro qui consiste in un campo sonoro che tiene dentro plurimi richiami, dall’ambiente che si confronta nei dintorni della montagna (uccelli, amplificazione dell’emissione sonora della natura così come si presenta alla registrazione, organizzate, pesanti granulazioni e suoni campali).

In Mistpouffers c’è una straordinaria sensazione che si avverte allo scadere dell’ultimo suono udito, dell’ultima esortazione vocale, qualcosa che sa di liberazione da un assedio ma che è allo stesso tempo un potente filtro di giudizio dell’attualità. Posso garantire che le orecchie fini saranno molto attratte, poiché senza capir perché, si ritorna spesso sui percorsi di Mistpouffers.

Je peux vous garantir que les fines oreilles seront très attirées…

Review

Julian Cowley, The Wire, no 433, 1 mars 2020
mardi 11 février 2020 Presse

Dumas manages to convey the interdependence of personal experience and shared environment with illuminating subtlety.

Review

Baze Djunkiii, nitestylez.de, 10 février 2020
mardi 11 février 2020 Presse

Another fresh one released via Montréal’s Empreintes Digitales label is Oscillations planétaires, the first ever solo album by Chantal Dumas. Created as a commissioned work for German radio programme Deutschlandfunk Kultur we see Dumas tackle the topic of geology with this one, especially the topic of geologic and tectonic movements and vibrations happening in different, mostly irregular, time scales to be more precise. Facing this task the result is an oftentimes sparse and spatial, partially also large scale dramatic journey through Dark Ambient and Ambient, at times surely influenced by Cosmic and (Neo)Cosmic as well as misty ethereal, outerworldy harmonic shifts and movements, subsurface crackles, grinding mass movements, subaquatic modular noises, haunting sweeps and more, all in their entirety sonically depicting the steady geologic processes having shaped the face of our planet for eons and still continually, yet slowly shaping its face up to this day. Our favorite cut: Marée crustale. File under: conceptualism in full effect.

Our favorite cut: Marée crustale. File under: conceptualism in full effect.

Review

Baze Djunkiii, nitestylez.de, 8 février 2020
lundi 10 février 2020 Presse

Released only recently via the 1990-established imprint Empreintes Digitales is L’inaudible, the third full lenght album effort by Montréal-based composer Stéphane Roy. Working on the acousmatic side of things we see Roy presenting a selection of seven pieces on this longplayer, all created within the past twelve years with some being finished in multiple sessions spread over several years. Opening with Maelström the first step of the musical journey is a twisted, whirling and grinding piece built from cold digital Noize eruptions regularly, yet irregularly bending, twisting and interrupting tender, and partly dramatic, Ambient atmospheres in a collage’esque manner whereas the Train d’enfer brings tension in form of dark, brooding atmospheres and various scraping, clanging metal pieces before the subsequent triplet of “Section 1 — 3” provides a perfectly intense, nerve-wrecking score of sorts for your favorite underground psycho horror flic out of the 60s or 70s. Les aurores pourpres first sees Stéphane Roy on a fragile, ethereal Deep Listening Music tip, slowly progressing from a minimalist approach into large scale drama with hefty sonic masses grinding and shifting within the stereo field before making way for spatial sparseness once again, Les territoires secrets caters cold, quivering and somewhat retrofuturist Ambient pulses which are evoking echoes of memories of very early Oval works and other intense, experimental Deep Listening adventures of the late 90s alongside various background rumblings, sounds of pouring liquids and short percussive eruptions before the final cut named Voies crépusculaires ventures off into solemn Dark Ambient territories with a certain cut-up twist paired with (Neo)Classical influences to provide a closing for a well meandering, varied and close to indescribable journey into one of the most experimental spheres of the electronic music scene in terms of compositional approach.

… a well meandering, varied and close to indescribable journey into one of the most experimental spheres of the electronic music scene in terms of compositional approach.

Review

Ed Pinsent, The Sound Projector, 26 janvier 2020
lundi 27 janvier 2020 Presse

The work of Todor Todoroff might be a bit closer to architecture and structural engineering than to conventional electro-acoustic composition. He’s been working on “interactive systems” for about 25 years now, making ingenious use of sensors which might be used to trigger sonic events. Almost all of the pieces on Univers parallèles are based on gestures and movements which create a sound, whether that’s a dancer on stage doing avant-garde steps, or a painter applying the brush to the canvas, or the action of flowing water. From quite small and intimate movements, large-scaled and mysterious sounds emerge. On Rupture d’équilibre, one of the more dramatic pieces here, it’s done by a pendulum swinging back and forth — or at any rate, a virtual pendulum. Rather than rig up an old grandfather clock, as you or I might have tended to do, Todoroff elected to created a simulation of a pendulum and “played” it like an instrument in a set-up that also included potentiometers (instrument of choice in Stockhausen’s electronic experiments). Interesting methods for sure, though the transformations and distortions that result are not especially bold or unusual, and I found the compositions to be very shapeless and uncertain. However, this Belgian composer has a knack of sometimes turning that uncertainty into intrigue and mystery.

From quite small and intimate movements, large-scaled and mysterious sounds emerge.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.