The Electronic Universe, Daring Music: empreintes DIGITALes

Luca Isabella, Deep Listenings, no 1, 1 septembre 1994

Un discorso un pò diverso può essere fatto per il CD di Dolden. Anche qui la complessità strutturale é impressionante: si tratta di registrazioni multitraccia di partiture relative a diversi strumenti, soprattuho acustici e per la maggiar parte suonati dal compositore stesso, che creano un vortice sonoro notevole, di grande impatto e originalità. Devo dire che questi brani mi hanno lasciato in alcuni momenti a bocca aperta per la loro capacità di creare immagini quasi tridimensionali, nelle quali l’ascoltatore si sente trascinato e, scusate se esagero, ma é stata la mia impressione personale, atterrito, soprattutto a causa dell’elevata pressione sonora e dell’incredibile dinamica della registrazione (inutile dire che l’ascoito ad elevato volume con altoparlanti é un must). Interessanti sono le motivazioni concettuali che l’artista si premura di abbinare ad ogni brano, che sicuramente dimostrano un pensiero eclettico, non privo di legami con certa critica della modernità e alcune teorie tantriche (soprattutto sul concetto di velocizzazione ed esaltazione degli elementi dissolutori, per spingersi oltre il punto di non ritorno).

Che altro aggiungere? Innanzitutto che i Cd empreintes DIGITALes sono in generale di facile (con le dovute riserve) reperibilità, anche qui da noi.

Daring music: empreintes DIGITALes