electrocd

Recensione

Jacopo Andreini, All About Jazz Italy, 1 avril 2001

Musica concreta, acusmatica [per un approfondimento leggi l’intervista di AAJ a Eric Leonardson cliccando qui], ambient, un percorso a ritroso nelle composizioni di questo neozelandese che ha studiato qua e là nel mondo con grandi nomi della musica (Messiaen, Schaeffer) ed ha contribuito a sviluppare l’amplificazione sonora.

Registrazioni in cui l’uomo fa solo da spettatore, o quasi, in cui i suoni reali (soprattutto acqua) vengono lasciati fluire — perdonate l’evidenza del verbo — coi loro tempi, sovrapponendosi ad altri amplificati e/o processati elettronicamente. Vasi di ceramica (di Creta e da olive proveniente dalla Turchia, se per voi hanno un suono diverso), pezzi di metallo, pioggia, aeroplani, mosche, ronzoni, tutto preso e stratificato con ritmi da colonna sonora, per un ascolto sicuramente coinvolgente, ma imbastardito (male, per i miei gusti, poi chissà…) da sciabordate di synth armonizzato.

Si sente pesante la mano della storia, della tradizione e della conservazione della musica elettroacustica e concreta, poche storie, quindi gli appassionati adoreranno questo disco, presentato in una veste ricercata e dal sound perfetto, come se si trattasse di storicizzare il compositore (e magari questo è l’intento) che propone materiali risalenti a quasi venti anni fa come all’anno scorso dal suono e dalla coerenza invidiabile (salvo Sea Flight che esagera con la violenza e i synth, e inserisce una cornamusa sul finale, e fa assomigliare il tutto a una specie di pezzo con tempesta e quiete successiva a rappacificare gli animi). Oppure dalla monotematicità deprecabile (salvo l’altra parte del brano Tides, Pools and Currents, che suona possente e strutturato e quindi “giovanile”, anche se dubito che questa famiglia di musicisti/compositori ami sentirsi “giovane”).

I bicchieri ogni giorno di più sono a metà, a voi stabilire se pieni o vuoti. (3 1/2)