Recensione

Piergiuseppe Lippolis, Music Map, 1 mars 2021

Patrick Ascione è stato un compositore originario di Parigi ma di origine italiana, molto attivo nel campo della musica classica e nelle sperimentazioni elettroacustiche, delle quali ha esplorato a fondo le potenzialità nel corso della propria attività discografica. A gennaio del 2021 è stato pubblicato Figures de son, album postumo che raccoglie alcune composizioni dell’artista scomparso nel 2014. La prima di queste è Enième, che risale al 2004 e vede incastri e sovrapposizioni di voci su suoni naturali e brevi inserti strumentali e che precede Ascionerie no 6: Fantaisie diabolique, il cui percorso è più lungo, ma anche più lineare. Per tutti i quasi dodici minuti, le percussioni sembrano viaggiare a velocità doppia, fino al climax su suoni selvaggi che annuncia la coda. Divertissement, invece, mostra una vocazione più classicheggiante, con suoni elettronici liquidi in grado di suggerire atmosfere sinistre e inquiete, con un effetto simile a quello di Et puis l’oubli…, che sembra inseguire il mostro di fumo visto in Lost. Danse de l’aube è decisamente più dolce e rassicurante nel suo incedere e a tratti sembra destrutturare forme di world music nel classico soliloquio elettroacustico. Figures de son è un modo per approcciarsi alla storia di un artista che ha scritto pagine importanti del genere, ma anche per scoprire chicche fino a poco tempo fa inedite.

Figures de son est une façon d’aborder l’histoire d’un artiste qui a écrit des pages importantes du genre, mais aussi de découvrir des joyaux jusqu’alors inédits.