electrocd

Recensione

Vittore Baroni, Rumore, 1 mars 2004

Il californiano Todd Drootin definisce il proprio stile “beatpunk”, forse per distinguerlo dal digital-hardcore dei contarranei Kid 606, Lesser e soci, che muovono da similari premesse “plunderfoniche” ma con esiti pen più caustici e radicali. Todd è un maniaco del campionatore, ma le sue fonti d’inspirazione non sono il nippo-noise e neppure il furto concettuale alla John Oswald. Non è neppure un raffinato collagista alla DJ Shadow, ma piuttosto applica un emelentare attitudine pop-punk (appunto) alle spartane tecnologie con cui smonta e ricicla in sconnessi e bizzarri groove piccoli frammenti delle sue band preferite (Pavement, Pixies, Wire, Slits, The Fall, Sonic Youth, sono tutte elencate in copertina) o di giganti come Albert Ayler e Sun Ra, guarnendo con semplici riff sintetici e voci prelevante qua e là. Sings the Blues (ma di blues ovviamente non c’è ombra) fa seguito all’esordio Throw Down Your Laptops e vive della continua reinvenzione di un divertente (e danzabile) tappeto ritmico seriale, tra pause downtempo e frenetiche galoppate electro, su cui si innestano beffarde microvariazioni. Che Drootin riesca a tener in piedi la baracca per 65’ con solo qualche lieve cedimento è un risultato di cui poò andar fiero.