Fisicita’ e derive neoconcrete

Simone Bertuzzi, Digimag, no 04, 1 mars 2005

L’approccio è neoconcretista. […] Non è immediato il passaggio da questo lavoro a Estrapade, ad opera del duo morceaux_de_machines, formato da Érick d’Orion e Aimé Dontigny (titolare della label canadese No Type, per la quale esce), e nemmeno piacevole, forse. Estrapade è un termine francese che indica una tipologia di tortura medievale, questo già basterebbe a delinearne il suono, ma sarebbe troppo banale. Estrapade è un assalto. Fonçage de pieux tradisce, gioca un trabocchetto iniziale con un frammento celestiale per poi crescere e stabilizzarsi agonizzante; Onanisme e Triple fermentation invece non lasciano scampo, si impongono percussive fin da principio; Tromocrates è un tunnel di shortwaves, grugnisce e vomita noise a ripetizione sfociando in free jazz. Ma c’è molto di più, c’è la presenza di Diane Labrosse, Otomo Yoshihide e Martin Tétreault a fomentare le ruote d’acciaio, e si sente: Placenta compressa è più complicata, un corpo privo di direzione; Omlegging è scratch, e Yoshihide fa da padrone impossessandosi di tutta la ricerca di turntablism possibile, è indefinibile il suono e l’efficacia a cui si approda nella seconda parte, di certo il brano migliore.

Il vertice del disco è però Trépanation, la più lunga, sfiora i 15 minuti, che assimila noise e jazz mozzato con inedito senso ritmico, completando l’intento generale e sfiorando contemporaneamente altre derive, inusuali ma maledettamente riuscite. Concludendo, nulla di più, se non ribadire la complessità di elementi strutturali comuni con messe in scena distanti anni luce, tanti personaggi e altrettante sfumature, due ottimi lavori.

Estrapade è un assalto.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.