electrocd

Recensione

Music Club, 1 juin 2005

Lo scetticismo regnava nella mia mente al momento di ascoltare Estrapade (termine francese con il quale, nel medioevo, si indicava una particolare forma di tortura). Scetticismo non certo derivato dal fatto che la line up di morceaux_de_machines, composta da A_dontigny ed Érick d’Orion, fosse stata per l’occasione integrata da tre saggi del suono concreto, elettronico ed elettroacustico come Otomo Yoshihide, Martin Tétreault e Diane Labrosse, quanto dal timore che il lavoro fosse indirizzato verso l’esplorazione dell’universo microscopico, finendo così per appiattire conoscenze e competenze sulla ricerca del nulla…! E invece è stata graditissima sorpresa lo scoprire (attraverso l’ascolto delle nove tracce) che l’interazione tra le diverse menti pensanti ha portato alla realizzazione di un disco di noise improvvisato assolutamente di valore, con un approccio che ha molto più in comune (al di là di quello che è poi il risultato finale) con l’hip hop, che con le avanguardie sperimentali a cui si è soliti associare simili sonorità. morceaux_de_machines e compagni (i cui interventi sono tutti stati catturati dal vivo) si sono prodigati nella creazione di forme radicali (seppur mai estreme) di rumore elettronico modulato e modulare, spesso industriale, contaminato anche da derive ritmiche drum’n’bass e da inflessioni IDM ruvide, frutto di una notevole creatività e con un costante mutare di forme musicali e di scenari esplorati, oltre che suggestionati. Molto buono.