electrocd

Recensione

Ettore Garzia, Percorsi Musicali, 31 janvier 2021

L’esplicazione di uno spettro per Smalley non richiede comunque che l’ascolto sia univocamente rivolto ad un’immagine specifica. Potremmo dire che Smalley le ammette tutte e in Vues spectrales si possono fare considerazioni solo sulla base delle indicazioni fornite dal compositore e dal suo interesse ad ottenere stimoli dai paesaggi, dalla natura o dal costrutto fono assorbente dei luoghi visitati: l’indole ispiratrice qui sta nei suoni di Golden Bay e Corbiéres, nel movimento “vorticale”, nell’aggregato dei suoni che accompagna il ringen solen ned danese e nello studio degli spazi di risonanza degli oggetti. La trasformazione timbrica che incide sul riconoscimento dell’origine della fonte (il cosiddetto écoute réduite di Schaeffer) e di cui Smalley fa uso frequentissimo è l’arma principale su cui fossilizzare il nostro giudizio: nessun concretista si sognerebbe di sbilanciarsi su significati che vadano oltre quello strettamente sonoro, ma per uno come me che crede ad un valore metafisico della musica si tratta di mettere in ordine le cose in maniera differente; con Smalley non si tratta certamente di iper-realismo fine a sé stesso, ma di un’evidenza sonora laica, che regge da oltre 70 anni un mondo di suoni venuto alla ribalta grazie agli ausili dell’elettronica.

… avec Smalley, il ne s’agit certainement pas d’hyperréalisme comme fin en soi, mais d’une évidence sonore séculaire, qui soutient depuis plus de 70 ans un monde de sons qui s’est imposé grâce aux aides électroniques.