electrocd

Recensione

Piergiuseppe Lippolis, Music Map, 1 janvier 2022

Louis Dufort è un compositore canadese di musica elettroacustica. L’artista di stanza a Montréal è tornato a fine 2021 con Into the Forest, un lavoro registrato nel suo studio personale tra il 2020 e il 2021.

Il nuovo album si compone di quattro brani per una durata complessiva che si ferma poco prima dei quaranta minuti e ad aprire c’è Into, il più bucolico del ciclo, con un suono ambient disegnato prevalentemente dall’organo e da caligine elettronica che si deposita sui vari strati di suono.

La successiva Into the forest my wounded arms wide open cambia visibilmente registro, con un ritmo decisamente più sostenuto e incalzante, fra groove spezzati un’atmosfera vagamente (e sorprendentemente) sci-fi.

Il brano che dà il nome al lavoro, stipato all’inizio della seconda metà, è stato sviluppato in diversi anni ed ultimato solamente in occasione delle registrazioni di questo disco. Il pezzo si presenta come un approfondimento di delicate microstrutture che riempiono lentamente uno spazio in continuo divenire, scandagliando il rapporto esistente tra la natura, quella reale, e un’altra immaginata e sognata.

L’ultimo atto è anche il più astratto e simbolico: Into the forest I’ve seen under permette la convergenza di materiali “organici, sintetici e musicali” in un’ode alla natura che si evolve lentamente, fino a descrivere completamente l’ambiente circostante.

Louis Dufort conferma ispirazione e tecnica rendendo accessibile più o meno a chiunque un lavoro in realtà complesso.

Louis Dufort confirme l’inspiration et la technique, rendant accessible à plus ou moins n’importe qui une œuvre en réalité complexe.