Recensione

Luca Pagani, All About Jazz Italy, 1 avril 2001

Raccolta che potremmo dire più letteraria che strettamente musicale. Si parte infatti con un viaggio in terra d’Italia, vedendo il pozzo etrusco di Perugia, i vaporetti di Venezia, la cattedrale di Torcello, la chiesa di Santa Maria della Salute. Certo, per chi non ha la possibilità di leggere le note dell’autore è un tantino complesso identificare le immagini sonore di Derrière la porte la plus éloignée… con quei luoghi turistici, tuttavia un’atmosfera e un ambiente ben preciso sono evocati all’interno della narrazione sonora. Gilles Gobeil non intende costruire la composizione tramite elementi né realistici né concreti: l’autore intende proporre invece un immaginario delle proprie sensazioni dalla vista dei paesaggi, dal ricordo che ne ha, ma in nessun caso si propone una descrizione realistica o fotografica degli avvenimenti. Solo per la cronaca, la composizione è stata presentata per la prima volta al Festival FIMAV (Festival International de musique actuelle) di Victoriaville (Canada).

La seconda traccia, Projet Proust è una rilettura personale (la voce narrante è di Marc Béland) delle prime pagine del romanzo Du coté de chez Swann (in italiano “La strada di Swann”) dello scrittore francese Marcel Proust. Alla narrazione si sovrappongono assemblaggi di varia natura, canti gregoriani mischiati ai rumori che più sovente vengono utilizzati in questi ambiti, ovvero i bruits delle stazioni ferroviarie. Il metodo nel comporre i suoni che è stato utilizzato in questo caso ricorda il “Ritratto di città” realizzato da Luciano Berio e Bruno Maderna. Il tono della narrazione in un certo senso dimesso, la musica che tende a sottolineare gli aspetti “psicologici” del racconto, sono elementi che legano l’opera di Gilles Gobeil al citato lavoro dei due compositori italiani.

Da questo punto in poi la raccolta parte verso i territori della letteratura fantascientifica con l’adattamento musicale e l’interpretazione “libera” di The Time Machine (in italiano “La macchina del tempo”), romanzo dello scienziato-scrittore Herbert George Wells. Point de passage si svolge con tratti più discontinui rispetto alle precedenti tracce anche a causa delle innumerevoli fonti sonore da cui la composizione prende spunto. Ancora una volta rumori catturati dagli ambiti ferroviari, ma anche dall’ambiente naturale (tuoni e pioggia) accompagnate da un maggiore utilizzo delle elaborazioni elettroniche (drones di media durata, rumori manipolati a tal punto da assomigliare al suono di un synth).

Si giunge così alla fine del percorso con la visione dei mondi sotterranei di Voyage au centre de la terre (“Viaggio al centro della terra”) di Jules Verne. Come è facile immaginare i suoni che l’autore utilizza in Nuit cendre sono talvolta praticamente inudibili (frequenze bassissime), talvolta vere e proprie “esplosioni”, cornici e contorni. È abile ancora una volta Gobeil ad rileggere l’opera, a renderla “sua”, attuale e - cosa più difficile - a trasporla dalla letteratura all’ambito sonoro. Anche per questo motivo siamo riusciti nella difficile impresa di scriverne.

Valutazione: ★★★★

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.