Frenesia Post-Industrial

Girolamo Dal Maso, Blow Up, no. 182/183, July 1, 2013

Martin Bédard è un compositore canadese di musica elettroacustica dall a brillante carriera accademica e con numerosi riconoscimenti (festival, premi, istituzioni accademiche e culturali) da una part e all’altra dell’oceano. Topographies è un lavoro curatissimo a partire dal package Tutto in in cartoncino (no plastica) con una bella e appropriatissima immagine sulla cover e un pieghevole all’interno (che “è” l’interno) ricchissim o di informazioni. La prima impressione all’ascolto è quella di una topografia del caos e del disastro. Basta prestare appena un po’ più di attenzione e il giudizio si capovolge: questo è un lavoro pie no di pensiero. Non solo perché nulla sembra lasciatoal caso, per la strutturazione dei pezzi, lucidamente organizzati con l’alternanza di sonorità fragorose troppo chiaramente elaborate elettronicamente: rumorosità, ritmiche percussive, macchinari sincopati roboantì, come un treno lucidamente impazzito. Più che un grafico dei luoghi — troppo statico e astratto — quella di Bédard è un a scrittura del rumore che li riempie. Anche il libretto — esso pure pieno di segni, di parole — non è una didascalia, ma parte del progetto, come un vettore, una freccia che indica luoghi sfatti industrial-post-industriali in cui (almeno mentalmente) collocarsi. Nel fragore generale si possono intuire rumori diversi (rumori “diversamente” rumori), altri tipi di sonorità. Questa auscultazione rende l’ascolto più interessante e attento, quasi a impedire preventivamente (ma con una certa rigorosa fatica richiesta) di essere frastornato. Basta pensare a come si spegne Topographie de la noirceur o alle pau se oniriche, spazzate da venti gelidi e inquietanti, di Push & Pull o di Champs de fouilles. La violenza e il suo impatto sonoro non è, però, tanto quello di luoghi ma delle reazioni che questi luoghi suscitano. Bédard rifugge nel modo più assoluto da uno sguardo compassionevole: in lui solo nuda, cruda ostensione, ostinata ricollocazione. I luoghi sociali che frequenta sono di per sé carichi di tensioni, in cui complessità, alterità e violenza squassano le sicurezze ordinarie: un carcere (luogo di reclusione), una ronda notturna, la ferrovia (luogo di passaggio per eccellenza nella modernità), un ponte crollato nel 1907, scavi archeologici (che — per un italiano — fa un po’ impressione pensare situati in Canada). In tutto questo la riflessione sull a memoria, su una certa memoria, su ciò che si tende a dimenticare o a lasciare da parte (e quindi bisogno andarci in questa parte, in questa realtà posta ai margini: bisogna andare ai margini, marginalizzarsi). Senza dimenticare l’identità francofona di Bédard, con il suo carico simbolico di lotta identitaria. A Michel Foucault sarebbe piaciuto questo disco, per i luoghi che frequenta, pure ad Artaud che l’avrebbe amato con odio implacabile, e pure Bataille che l’avrebbe trovato pieno di pensiero, non di “pensieri”, ma di suoni e rumori gravidi di pensiero, in atto di pensare, pregni, toccati, scalfiti e scassati dal pensare che hanno fatto scaturire. Un pensiero che “si” rivolta (come lo smascheramento di una trama autoriflessiva, auto-distruggente e insieme auto-costitutiva), energia dischiudentesi, sempre in atto, in eccitazione permanente, di cui esplora con lucidità e rigore il versante patologico più che quello vitalistico. I luoghi (topoi) di Bédard sono spazi pieni di suono da cui è risucchiata come una ventosa la vita, tragica, violenta, impetuosa, eppure sospesa, fragile, esposta. Un esercizio di pensiero. Filosofia militante. Musica.

… suono da cui è risucchiata come una ventosa la vita, tragica, violenta, impetuosa, eppure sospesa, fragile, esposta. Un esercizio di pensiero. Filosofia militante. Musica.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.