Recensione

Nicola Catalano, Blow Up, no. 52, September 1, 2002

Animatori dello show radiofonico Napalm Jazz presso l’emittente quebecoise CKIA-FM, presto mutatosi in vero e proprio progetto musicale, Aimé Dontigny e Érick d’Orion hanno da qualche anno mutato denominazione in morceaux_de_machines mantenendo peraltro inalterata l’energia apocalittica della band originaria. Lo dimostra nitidamente l’album d’esordio liberum arbitrium che, prendendo le mosse dall’opera di Anthony Burgess e Luigi Russolo, si distende o piuttosto si aggroviglia in un infernale impasto impro-rumorista di ferocia inaudita. Un urticante attacco massimalista via carta vetra all’apparato uditivo, ed era da tempo che non se ne sentiva di così convincenti. (7/8)

… un infernale impasto impro-rumorista di ferocia inaudita.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.