Recensione

Massimo Padalino, Blow Up, no. 62-63, July 1, 2003

Jalons antologizza un quindicennio abbondante (1985-2001) di lavoro dello sperimentatore elettronico, vive fra la Francia e il Québec, Francis Dhomont. Delizioso davvero. Anticipa colla sua musica, seppure in maniera mille volte più creativa, la “psicoacustica” del passato decennio di un Tetsu Inoue: eliche di suoni che sibilano, attorcigliano, cavalcano maree silenti, naufragano nel vuoto più desolato per magari poi sfrigolare via frizzanti, scintillanti, verso pareti d’elettronica estesa. Meraviglioso, ricco nel dettaglio sonico, spruzzato e macchiato di gocce musicali spesso sfuggevoli. Ma nondimeno incantevoli. (8/10)

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.