Recensione

Marco Castagnetto, Music Club, no. 182, March 1, 2008

Maneggiare le releases di casa empreintes DIGITALes significa confrontarsi con alcune tra le più interessanti proposte della musica concreta contemporanea, con tutte le difficoltà del caso, e la prova specifica del francofono Martin Leclerc rientra pienamente in quest’ottica: un piatto ricco, questo Horizons du Silence, che se certamente non rivoluziona le sorti e le mire di un settore complesso ed esplorato riesce ad interessare ed a funzionare egregiamente per la varietà di elementi che il nostro incorpora nella matrice originale. Formato lussuoso, audio in stereo o in una più seducente veste 5.1, ed una palette espressiva decisamente varia, che permette di focalizzare sia momenti più espressamente digitali (si ascoltino i frammenti minimali di “et le ca”) come vaste panoramiche in cui è la materia elettroacustica ad emergere, grazie all’utilizzo del pianoforte o della tromba, strumento protagonista del lavoro. Il merito migliore dell’album (evidenziato in particolar modo in quelle tracce dove Leclerc mantiene una composizione più descrittiva e meno astratta) è quello di riuscire attraverso un collage sonoro magistralmente progettato a suggerire contesti umani, visioni e immagini, come se ci trovassimo di fronte ad una piece teatrale cieca. Un album che gioca con una certa compiacenza con la propria difficile fruibilità, ma che sa regalare attimi intensi e molti particolari da scoprire ascolto dopo ascolto.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.