electrocd

Recensioni

Massimiliano Busti, Blow Up, no. 296, January 1, 2023

Lames de fond di Martin Bédard e Marie-Hélène Breault ha invece una doppia anima: i due brani firmati dal solo Bédard si basano su un processo di densificazione e cristallizzazione del suono che raggiunge il culmine nei diciassette minuti iniziali di Honey (Architectures From Silence No. 1) a cui fa seguito la pareidolia — “tendenza istintiva e automatica del cervello a trovare strutture ordinate e forme familiari in immagini disordinate” — di Kissland, mentre nelle due composizioni firmate in coppia la materia elettroacustica stabilisce un costante interscambio col flauto della Breault, dapprima in volute di suono dinamico e fluente (???? Extensio:Warm:Up????) e poi nelle continue trasfigurazioni di Replica.

… a double soul…