Recensione

Nicola Catalano, Rumore, March 1, 2005

Non fa prigionieri il noise massimalista dei canadesi Aimé Dontigny e Érick d’Orion in arte morceaux_de_machines. Dapprima titolari della trasmissione radiofonica Napalm Jazz, su CKIA-FM, presto mutatasi in vero e proprio progetto musicale, i due arrivano al traguardo del secondo album, la cui ragione sociale si ispira ad una tortura in uso in epoca medioevale, nuovamente un intemperante stillicidio di rumore bianco e ritmi da fonderia, invero impietoso ma per fortuna non fine a se stesso. Saccheggiando a piene mani e disinvoltamente l’immenso patrimonio di disparati generi musicali, free jazz, musica concreta, speed metal e persino la trendy techno che tanto hanno in uggia (Onanisme e Triple fermentation sono costruiti proprio su cadenze elettroniche ultra-velocizzate), i nostri erigono un monolite impressionante per ferocia e complessità strutturale, in questo aiutati da ospiti del calibro di Otomo Yoshihide, Martin Tétreault e Diane Labrosse.

… un monolite impressionante per ferocia e complessità strutturale…

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.