electrocd

Blog

Review

Alan Freeman, Audion, no. 67, February 1, 2022
Monday, January 31, 2022 Press

So, you have the sounds of forests, waterfalls, rivers, animals, factories, transport and the likes, webbed together in various combinations.

Review

Alan Freeman, Audion, no. 67, February 1, 2022
Monday, January 31, 2022 Press

Pierre tends to like using big swathes of mutated sound, highlighting and fragmenting with clatters and chaotic fragments.

Review

Alan Freeman, Audion, no. 67, February 1, 2022
Monday, January 31, 2022 Press

With this new release, Robert takes us on five new journeys.

Review

Alan Freeman, Audion, no. 67, February 1, 2022
Monday, January 31, 2022 Press

This new one is quite an oddity. […] it oozes, swirls and grows, as if it was musical branches reaching out in all directions…

Recensione

Piergiuseppe Lippolis, Music Map, January 1, 2022
Wednesday, January 26, 2022 Press

Louis Dufort è un compositore canadese di musica elettroacustica. L’artista di stanza a Montréal è tornato a fine 2021 con Into the Forest, un lavoro registrato nel suo studio personale tra il 2020 e il 2021.

Il nuovo album si compone di quattro brani per una durata complessiva che si ferma poco prima dei quaranta minuti e ad aprire c’è Into, il più bucolico del ciclo, con un suono ambient disegnato prevalentemente dall’organo e da caligine elettronica che si deposita sui vari strati di suono.

La successiva Into the forest my wounded arms wide open cambia visibilmente registro, con un ritmo decisamente più sostenuto e incalzante, fra groove spezzati un’atmosfera vagamente (e sorprendentemente) sci-fi.

Il brano che dà il nome al lavoro, stipato all’inizio della seconda metà, è stato sviluppato in diversi anni ed ultimato solamente in occasione delle registrazioni di questo disco. Il pezzo si presenta come un approfondimento di delicate microstrutture che riempiono lentamente uno spazio in continuo divenire, scandagliando il rapporto esistente tra la natura, quella reale, e un’altra immaginata e sognata.

L’ultimo atto è anche il più astratto e simbolico: Into the forest I’ve seen under permette la convergenza di materiali “organici, sintetici e musicali” in un’ode alla natura che si evolve lentamente, fino a descrivere completamente l’ambiente circostante.

Louis Dufort conferma ispirazione e tecnica rendendo accessibile più o meno a chiunque un lavoro in realtà complesso.

Louis Dufort confirms inspiration and technique, making a work that is actually complex accessible to more or less anyone.

Recensione

Gilberto Ongaro, Music Map, January 1, 2022
Monday, January 24, 2022 Press

La melancolia può avere diverse forme d’espressione, e non sempre si tratta di un’apatica successione di suoni melliflui, o una tela dai colori grigiastri, o un attore con le occhiaie e l’aria stanca di chi ha già visto tutto (sì insomma, Toni Servillo… ). Al contrario, come la noia nell’infanzia, la malinconia può essere il punto di partenza per la creatività. E ce lo ricorda Robert Normandeau, compositore elettroacustico canadese, che concepisce Mélancolie, album uscito per Empreintes DIGITALes.

Si tratta di un viaggio sonoro, concepito originariamente per essere ascoltato con un set di altoparlanti che circondano chi ascolta. Lo stesso Normandeau definisce questa versione in studio, che per forza di cose è solo stereofonica, una sorta di cartolina dell’esperienza che vorrebbe farci vivere di presenza, con tutto l’ambaradan per immergerci nel suono.

Ma intanto ascoltiamo queste cinque lunghe tracce (la più breve dura 10 minuti, la più lunga 16 e mezzo) ad occhi chiusi. Le ravissement fa galleggiare in un cosmo violaceo, con suoni cangianti e ariosi. Tunnel azur invece fa correre stando fermi, come le parole panelliane di “Stanze come questa”, che accostano immagini di movimento accelerato come dai finestrini di un’auto, con pareti di una stanza dove invece si è fermi. In questo tunnel azzurro avvertiamo proprio il vuoto d’aria che si può percepire in una propulsione in galleria. Con tanto di colpo di paura intorno al terzo minuto.

Al centro dell’esperienza, il terzo brano prende il titolo Melancholia, che è… un’apatica successione di suoni melliflui. Almeno fino a 3 minuti e mezzo della traccia, quando la situazione si complica, con una perturbazione dall’Atlantico che scatenerà precipitazioni repentine, fino a giungere ad un’atmosfera tesa. Temperature in diminuzione, mare mosso…

Un suono tremolante ed avvolgente ci spinge dentro L’engloutissement. L’idea d’essere nell’oceano è confermata dall’arrivo di uccelli, forse gabbiani. Siamo soli sull’acqua e al freddo, in attesa che il vortice ci inghiotta. Sempre verso i 3 minuti e mezzo, un disturbo radiofonico interrompe il flusso, che poi riprende. Evidentemente, questa durata di 3 minuti e mezzo è un riferimento significativo per il compositore: il momento in cui il narratore, alzando le sopracciglia, dice: “Ma ad un tratto… ”. Infatti i suoni, finora distesi e distanti, iniziano ad animarsi e ravvicinarsi. L’illusione della consistenza liquida si fa sempre più realistica. Da una condizione sospesa, ci addentriamo in una tempesta. Al quattordicesimo minuto, di nuovo i repentini disturbi radiofonici ci catapultano in un non luogo, dove c’è un solo penetrante rumore.

Dopo aria e acqua, l’ultima tappa è sulla terra, più precisamente sulle rotaie. Raíl ci allarma dell’arrivo imminente di un treno. Questa sarebbe davvero da ascoltare dal vivo, circondati dagli altoparlanti. Chissà che effetto fa! Se si tratta di field recording (non è specificato nel comunicato), il materiale registrato è comunque modificato, reiterato, elaborato. Questo treno ad un certo punto arriva, ma poi continua a lanciare l’allarme del suo imminente arrivo, e disorienta. Che succede, il treno torna indietro? Ne sta arrivando un altro? C’è un intenso traffico di treni?

Decidete voi. Chiudete gli occhi, e mettete su le cuffie. Ma se disponete di un home theatre col Dolby Surround 5.1 provatelo, oppure scroccatelo dall’amico ricco, e ascoltate le vostre sensazioni.

You decide. Close your eyes, and put on your headphones. But if you have a home theater with Dolby Surround 5.1, try it out, […] and listen to how you feel.